La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

Rc professionale: cosa piace?

A circa due anni dall'obbligo della sottoscrizione di una polizza di responsabilità civile per i professionisti in Italia la situazione sembra ormai chiara: ai professionisti l'assicurazione professionale piace.

La rc professionale è diventata obbligo in base al decreto legislativo 137/2012, in forza del testo di legge citato il professionista regolarmente iscritto all'Albo territoriale di appartenenza e, operante in regime privatistico, deve stipulare una assicurazione professionale per i possibili danni derivati al cliente durante l'esercizio della attività professionale.

Diventa dunque obbligatoria una assicurazione professionale per i rischi connessi alla propria attività, questa polizza però copre esclusivamente la responsabilità civile.

Se un professionista non si fornisce di idonea polizza rc professionale il medesimo sarà passibile di alcune ammende che vanno da quelle pecuniare sino alla cancellazione dell'Albo e dunque l'impossibilità di svolgere l'attività professionale.

Sebbene l'assicurazione professionale sia in tutta sostanza gradita dai professionisti che grazie alla copertura delle compagnie di assicurazione, in caso di errore non debbono più risarcire con il proprio patrimonio è pure vero che la spesa, in taluni casi, pesa sul bilancio personale ed allora la discussione in Italia va avanti.

Molti sono i dubbi sull'obbligo di copertura di rc professionale.

Non tutti i professionisti debbono avere la rc professionale, questo è vero, ma solo coloro che intendono operare in regime di libera professione e dunque lavorare da privati hanno obbligo di sottoscrivere il contratto di assicurazione professionale, se un professionista intende lavorare per contro proprio oltre alla iscrizione all'Albo di appartenenza deve essere dotato di Partita Iva, di iscrizione alla relativa gestione previdenziale ed ovviamente avere l'assicurazione, chi invece lavora, o intende lavorare, come dipendente non ha l'obbligo di avere l'assicurazione professionale questo perchè è il datore di lavoro che deve fornire l'idonea copertura assicurativa, in forza alle norme vigenti.

In genere si vede la rc professionale come un obbligo invece questo diventa un vero e proprio strumento di lavoro per il professionista. L'assicurazione professionale infatti protegge chi la sottoscrive, ne tutela nei fatti il patrimonio personale, assicura un rimborso concreto e quasi immediato al cliente che subisce un danno. Essendoci l'obbligo di mostrare al cliente, al momento di sottoscrizione della collaborazione, i massimali dell'assicurazione professionale, il cliente osservando il contratto si sentirà maggiormente tutelato ed avrà maggior fiducia nel prestatore d'opera.

 

E' vero però che il professionista ha un ulteriore onere da versare, la quota di rc professionale varia da attività ad attività ma, all'interno della stessa attività le assicurazioni hanno un dato tassi di rischio e i costi del premio annuale sono differenti. Una delle professioni più rischiose è quello del medico così come quasi al pari di un operatore sanitario si trovano coloro che operano nell'edilizia, geometri ed ingegneri.

 

Eleonora Casula
Q-code: Rc-professionale-cosa-piace

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis