La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

Riforma della PA: una nuova spinta verso la digitalizzazione.

Con il disegno di legge approvato il 17 Luglio dalla Camera dei Deputati la Pubblica Amministrazione compie un grosso passo avanti sul cammino della digitalizzazione. Se il provvedimento passerà al Senato ci saranno per cittadini e imprese grandi novità in materia di innovazione.

 

Con l’approvazione del disegno di legge “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” che avverrà probabilmente prima della fine dell’estate, essendo già passato alla Camera dei Deputati, ci saranno conseguenze su amministrazioni e cittadini nell’ambito della digitalizzazione.

La “riforma della PA”, come viene comunemente definita, si apre con le previsioni in materia di digitalizzazione. L’articolo 1 infatti riguarda il CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale) e la sua futura modificazione, da attuare entro i dodici mesi successivi all’entrata in vigore del provvedimento. La digitalizzazione e le nuove tecnologie costituiscono un elemento centrale della riforma e il Codice dell’Amministrazione Digitale ne rappresenta la chiave. Il CAD è stato creato nel 2005 per legalizzare l’innovazione della PA ma ha trovato scarsa applicazione da parte degli uffici pubblici, per questo una sua modifica potrebbe giovare alla futura attuazione. Il Legislatore ha scelto in questa occasione di favorire la digitalizzazione spostando l’attenzione dai doveri dei cittadini e delle imprese ai diritti che essi hanno di relazionarsi con la PA in modalità telematica. Il nuovo articolo 1 sarà dedicato alla definizione di una nuova Carta della cittadinanza digitale: il Governo sarà portato ad incoraggiare la digitalizzazione delle amministrazioni e, allo stesso tempo, a garantire agli utenti i loro diritti digitali.

Un punto importante della Carta della Cittadinanza Digitale” riguarda il tema della dematerializzazione, questo documento infatti sancirà la futura piena digitalizzazione dei processi amministrativi con conseguente abbandono della tradizionali modalità di gestione analogiche. I prossimi mesi vedranno quindi la terza versione del CAD, il Cad 3.0, che riguarderà anche domicilio digitale, Spid e pagamenti elettronici.

La scrittura del nuovo CAD 3.0 sarà un processo complesso che dovrà puntare sull’attuazione delle direttive del legislatore e sul miglioramento delle norme in materia di digitalizzazione. Nello specifico  è  previsto che il nuovo CAD debba contenere esclusivamente principi di carattere generale in omaggio a un principio di semplificazione normativa e che tutti i profili di attuazione debbano essere definiti in regole tecniche da adottare secondo un iter semplificato. Soltanto la semplicità e la velocità, infatti, possono essere di aiuto per il successivo passaggio dalla teoria alla pratica.

Per conoscere tutti gli aspetti della riforma della Pubblica Amministrazione visita il sito: http://www.fatturafacile.com/news/riforma-della-pa-una-ulteriore-spinta-verso-la-digitalizzazione/

 

 

Q-code: Riforma-della-PA-una-nuova-spinta-verso-la-digitalizzazione

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis