La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

NINFA, dignis amore loci

A partire da sabato 7 Novembre  la galleria  Spazio Idea di Pina Sorrentino, ospiterà la mostra che il pittore e incisore Patrizio Marafini dedica a Ninfa, “dignis amore loci”. La mostra,  che sarà allestita negli spazi di via Sisto V a Latina fino al 25 Novembre, è ispirata al poemetto “Ninfa” che il poeta svizzero-francese Philippe Jaccottet (uno dei più importanti poeti francofoni, più volte candidato al Nobel) dedicò al giardino (di recente è stato insignito del premio “Parco più bello d’Italia”) dopo un suo soggiorno giovanile in Italia, ospite di Marguerite Caetani.

Non è la prima volta che l’arte di Marafini trova ispirazione nella scrittura poetica: l’artista è autore di due pregevoli volumi, “Terre della Memoria” (ed. Cartedautore 2002) e “Pagine di vento” (ed. Cartedautore 2008), che raccolgono un significativo corpus di disegni e incisioni, prodotto di una sperimentazione iniziata negli anni Novanta quando il linguaggio dell’artista corese ha trovato una propria declinazione visiva nella grammatica poetica e nelle suggestioni evocate dai versi di importanti autori della letteratura del Novecento, tra i quali in Elio Filippo Accrocca, Libero de Libero, Giampaolo Rugarli, Plinio Perilli, Gabriella Sobrino, Alfonso Malinconico, ecc.

Presenterà la mostra, che sarà inaugurata sabato p.v. alle ore 17.30, il poeta Leone D’ambrosio, amico di Jaccottet che in una delle sue ultime poesie profetizzò “Dunque, cos’è il canto? Solo una specie di sguardo”. Info Spazio Idea: 0773 474460.

Marco Castaldi
Q-code: NINFA-dignis-amore-loci
Località: Arte-e-Cultura-1

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis