La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

Latina: nasce il Comitato del NO alle Riforme Costituzionali

Si è costituito anche nel capoluogo pontino il Comitato del NO alle Riforme Costituzionali.

Martedì 1 Marzo 2016, a Latina, presso la sala conferenze Il Gabbiano, in viale XVIII dicembre, alle ore 18:00, il giurista Giovanni Russo Spena, già Senatore della Repubblica, membro del Comitato Nazionale per il No al referendum confermativo per le riforme costituzionali, esporrà le ragioni per le quali si deve votare NO alla demolizione della Costituzione del ‘48.

Nella prossima campagna referendaria i cittadini saranno chiamati a decidere le sorti della Carta Costituzionale italiana.

Questo sarà il primo di una serie di incontri che il Comitato di Latina terrà fino ad Ottobre, periodo presumibile per lo svolgimento del Referendum, per illustrare il profondo dissenso che ha mosso molti costituzionalisti a mobilitarsi contro le modifiche della Costituzione contenute nel ddl Renzi-Boschi. Dissenso rafforzato dal nesso che lega questa operazione alla recente legge elettorale e che moltiplica gli aspetti inaccettabili di queste modifiche.

Quelli che vengono violati sono i principi costituzionali supremi, che insieme alle non meno gravi incostituzionalità che caratterizzano la nuova legge elettorale ipermaggioritaria, potrebbero provocare una torsione antidemocratica ed autoritaria del nostro Paese.

L’ingresso è libero e tutti gli interessati sono invitati a partecipare. 

Per maggiori informazioni: Coordinamento Democrazia Costituzionale

Marco Castaldi
Q-code: Latina-nasce-il-Comitato-del-NO-alle-Riforme-Costituzionali
Località: Società

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis