La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

Quanto guadagna una guardia giurata

Qual è lo stipendio di una guardia giurata? Si tratta di una domanda che assume sempre una maggiore importanza, in concomitanza con un aumento della richiesta di questa figura professionale negli ultimi anni. In effetti, in un periodo come quello attuale, caratterizzato da una crisi anche profonda del mercato del lavoro, la figura della guardia giurata è diventata sempre più richiesta.

La motivazione di questa situazione va ricercata nel fatto che è diventata sempre più pressante la necessità di difendere le proprietà private dall’aumento di furti (e in alcuni casi anche di reati più gravi, come le rapine), necessità che, almeno fino a questo momento, non è stata soddisfatta in modo concreto dallo stato. I cittadini (e fra questi molto spesso gli imprenditori) sentono la necessità di proteggersi dai rischi causati dalla delinquenza e fanno perciò riferimento agli istituti di vigilanza privati.

Per quel che riguarda in concreto lo stipendio di guardia giurata, bisogna ricordare che si tratta comunque di una posizione di lavoro dipendente (che può essere a tempo determinato o indeterminato): questo vuol dire che si parla di uno stipendio base fisso, a cui possono essere aggiunte diverse indennità che possono dipendere dalle ore di straordinario lavorate oppure da particolari incarichi portati a termine (per esempio, nel caso di lavoro come guardia portavalori, è prevista un’indennità aggiuntiva rispetto allo stipendio di base per il rischio di rapina).

In effetti bisogna considerare che lo stipendio di una guardia giurata è legato al rischio insito nel tipo di lavoro (che comporta la protezione dei beni e delle proprietà altrui dai tentativi di furto e di danneggiamento) e agli orari in cui tale lavoro viene svolto. Infatti, se in molti casi (mettiamo per esempio le guardie giurate che si occupano della sicurezza all’interno dei negozi o dei centri commerciali) l’orario è legato a quello di apertura al pubblico (e quindi diurno), in molti altri casi l’attività di sorveglianza si svolge durante l’orario notturno, con tutti i problemi (anche a livello di difficoltà nel riposare e di alterazione dei ritmi giorno – notte) che ne possono conseguire.

Considerando che lo stipendio di guardia giurata può dipendere da diversi fattori (alcuni li abbiamo visti prima, ma vanno considerati anche la regione in cui il servizio viene svolto e il livello di pericolosità dei luoghi dove si lavora) per avere un’idea della base di partenza si può fare riferimento al Contratto Collettivo Nazionale della vigilanza: se si considera una guardia giurata neoassunta e inquadrata al VI livello di contratto, con un orario previsto di 40 ore settimanali (cui possono essere aggiunte un massimo di 8 ore di straordinario) lo stipendio di base è in pratica di 1000 euro netti al mese.

Dopo 24 mesi di servizio si sale di livello, con un conseguente aumento di circa 100 euro mensili. Dopo altri 24 mesi di servizio si può passare al IV livello e lo stipendio base diventa di poco più di 1100 euro mensili netti (cui vanno sempre aggiunti eventuali straordinari o particolari indennità). Per quel che riguarda le indennità va fatta una precisazione importante: infatti il Contratto Collettivo Nazionale prevede due indennità distinte per quel che riguarda il lavoro svolto in orario notturno e l’indennità prevista per lo svolgimento di mansioni pericolose oppure in zone ad alto rischio.

Il Contratto Collettivo Nazionale della Vigilanza prevede però che questo tipo di indennità non siano cumulabili: questo vuol dire che una guardia giurata che svolga servizio di pattugliamento notturno in una zona considerata a rischio non percepirà entrambe le indennità, ma soltanto una (quale normalmente è indicata dal contratto che viene stipulato con l’istituto di vigilanza, che prevede anche quali sono le altre indennità previste e se sono assegnati e in che misura dei benefits come i buoni pasto).

Considerando che il lavoro di guardia giurata è sicuramente per le sue caratteristiche un lavoro a rischio, lo stipendio di guardia giurata potrebbe non sembrare tale da giustificare tali rischi: vanno però considerati due ulteriori aspetti, oltre quello economico. In primo luogo, come dicevamo prima, in un momento storico dove è difficile trovare un lavoro stabile, quello di guardia giurata è un mercato dove la domanda di lavoro è sempre molto alta. E questo vuol dire minor rischio di disoccupazione e maggiori possibilità di ottenere un contratto a tempo indeterminato.

Inoltre bisogna considerare un aspetto per così dire “etico”: il lavoro di guardia giurata permette di ottenere anche delle buone soddisfazioni in campo personale, soprattutto perché con lo svolgimento di questa importante mansione si può contribuire in prima persona alla sicurezza della società in cui si vive.

 

Per maggiori informazioni visitare il sito http://www.guardieinformate.net/

 

Q-code: Quanto-guadagna-una-guardia-giurata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis