La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

La carriera di Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i - Fondi Italiani per le Infrastru

F2i è la società di gestione dei principali fondi chiusi di investimento nel settore infrastrutturale in Italia. Il Gruppo, del quale Renato Ravanelli è Amministratore Delegato, può beneficiare di finanziamenti da parte di investitori privati e pubblici, italiani o stranieri.

F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture

F2i e i fondi di investimento nelle infrastrutture in Italia

F2i SGR S.p.A., nata nel gennaio del 2007, è la società di gestione del risparmio che ha creato il più importante fondo chiuso italiano: il Fondo Italiano per le Infrastrutture - F2i. Il Gruppo, negli anni, si è imposto l'obiettivo di portare la situazione infrastrutturale italiana al livello degli altri Paesi europei. F2i può vantare la costituzione di ben due fondi d'investimento: dopo il primo, istituito in concomitanza alla creazione della società, nel luglio 2012 il Consiglio di Amministrazione approva il Regolamento per il secondo fondo. Entrambi i fondi si pongono come centro di aggregazione e di alleanze con soggetti pubblici e privati attivi nel campo delle infrastrutture nazionali. Partecipando a processi di privatizzazione, i fondi consolidano le relazioni con enti locali ed imprenditori privati, coinvolgendo investitori domestici ed internazionali. I settori di maggior investimento di F2i sono le infrastrutture di trasporto persone e merci, gli impianti di distribuzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e tradizionali, acqua e gas, le telecomunicazioni e i media, la gestione dei rifiuti, la sanità, i servizi pubblici e le infrastrutture sociali. A partire dall'ottobre 2014, la società può vantare la collaborazione di Renato Ravanelli in qualità di Amministratore Delegato, mentre la presidenza è affidata a Leone Pattofatto, subentrato a Bernardo Bini Smaghi.

Renato Ravanelli: tappe fondamentali della carriera del manager

Renato Ravanelli nasce a Milano nel 1965 e consegue a pieni voti la Laurea in Economia e Commercio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Inizia la sua carriera professionale all'interno del contesto accademico: in questi anni si dedica a studi e ricerche legati ai servizi di pubblica utilità e al settore assicurativo, prestando particolare interesse a questioni di carattere regolatorio. Successivamente, ricopre il ruolo di macroeconomista e financial analyst di due importanti istituzioni finanziare italiane, all'interno dei dipartimenti di ricerca economica e di merchant banking. Nel 1996 entra in AEM in qualità di Responsabile del Trading di gas ed energia elettrica, curando la quotazione della società e diventandone in seguito Direttore della Pianificazione Strategica e CFO. Dal 2005 al 2007 lavora per Edison S.p.a., ricoprendo anche in questo caso il ruolo di Direttore Finanziario ed entrando a far parte, in qualità di Componente Esecutivo, del Consiglio di Amministrazione del gruppo. Da gennaio 2008 assume il ruolo di Consigliere di Gestione e Direttore Generale di A2A, principale multiutility italiana, nata dalla fusione di AEM S.p.A. Milano e ASM S.p.A. Brescia. Il Gruppo, attivo nel settore dell'energia elettrica e del gas, è leader italiano nei servizi ambientali e nel teleriscaldamento. Dal 2010 Renato Ravanelli entra a far parte del Comitato Investimenti di Inframed, fondo di investimento infrastrutturale che opera nell'area del Mediterraneo, dando così respiro internazionale alla sua carriera. Il 22 ottobre 2014 il manager milanese ha assunto la carica di Amministratore Delegato di F2i, Gruppo grazie al quale ambisce a lasciare il segno non solo in termini di ritorno economico, ma anche nello sviluppo del Paese.

-
Q-code: La-carriera-di-Renato-Ravanelli-Amministratore-Delegato-di-F2i-Fondi-Italiani-per-le-Infrastru

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis