La tua azienda online

Fai conoscere i tuoi servizi

Sei alla ricerca di articoli su google, per testi, blog e altro.

Sei arrivato nel sito di Article Marketing giusto, qui sono disponibili articoli divisi per categorie.

promoter vendi24

Il dottore commercialista

La figura del dottore commercialista, a dispetto di quanto si possa credere, ha un’origine piuttosto antica, addirittura precedente alla nascita di Cristo. Tuttavia, anche se i primi rozzi tentativi di mettere per iscritto le operazioni commerciali risalgono ai Sumeri, fu l’Italia la vera pioniera in questo campo con la ideazione della partita doppia ad opera del matematico Luca Pacioli, vero padre dei dottori commercialisti nonché autorevole insegnante di matematica nelle città di Milano, Venezia, Firenze, Roma, Pisa e Bologna. Dal punto di vista storico per i dottori commercialisti Bologna è da considerarsi come una città realmente fondamentale, avendo costruito la prima Università d’Europa, così come Venezia, dove è invece sorta la prima Scuola Superiore di Commercio.

Al giorno d’oggi diventare dottori commercialisti in Italia è un’impresa ancora relativamente ardua. E’ infatti necessario, per poter esercitare la professione, superare nell’ordine le seguenti tappe:

  1. Conseguire una Laurea Magistrale In Economia (classi LM-56 Scienze dell’Economia ed LM-77 Scienze Economiche ed Aziendali, per il vecchio ordinamento 64/S e 84/S);
  2. Svolgere un periodo di praticantato di almeno 18 mesi presso un commercialista regolarmente iscritto all’Ordine. Periodo che può iniziare anche prima di ottenere la laurea magistrale, ma non anteriormente ad aver conseguito la laurea triennale;
  3. Superare l’esame di stato, costituito da ben 3 prove scritte più una orale;
  4. Iscriversi finalmente all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

 

Nonostante questo lungo percorso il Rapporto 2012 sull’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili conferma la presenza di ben 113.325 commercialisti operanti in Italia, con una percentuale in crescita di donne, pari a circa il 31%. Si contano inoltre ben 143 ordini territoriali con una rapporto rispetto alla popolazione di circa un commercialista ogni 535 abitanti e 3,85 iscritti ogni 10 km2. Infine, per quanto riguarda i distretti territoriali che vantano la maggior presenza di dottori commercialisti Bologna, Bari e Torino si segnalano come le più importanti inseguitici dietro a Milano e Roma, abbondantemente ai primi due posti.

Damiano PAselli

Q-code: IL-DOTTORE-COMMERCIALISTA

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

inserisci la tua mail e rimmarrai aggiornato, perchè non farlo è gratis